• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 19 Giu 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Oliver, Mary Mary Oliver: 'Le oche selvatiche'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Mary Oliver: 'Le oche selvatiche'

Stampa PDF

Mary Oliver

Le oche selvatiche



Non devi essere buono.
Non devi trascinarti ginocchioni,
pentito, per cento miglia attraverso il deserto.
Devi soltanto permettere a quel mite animale, al tuo corpo, di amare ciò che ama.
Parlami della tua disperazione, io ti racconterò la mia.
Intanto, il mondo va avanti.
Intanto, il sole e gli splendenti sassolini della pioggia
attraversano i paesaggi,
passano sopra le praterie e gli alberi dalle profonde radici,
sopra le montagne e i fiumi.
Intanto, le oche selvatiche, alte nel limpido azzurro,
fanno nuovamente ritorno a casa.
Chiunque tu sia, per quanto tu possa essere solo,
il mondo si offre alla tua immaginazione,
ti manda il suo richiamo come le oche selvatiche, aspro ed eccitante:
annuncia incessantemente la tua appartenenza
alla famiglia delle cose.


(da 'Il lavoro dei sogni', 1986)


[ FONTE ]


Mary Oliver (Maple Heights, 10 settembre 1935 – Hobe Sound, 17 gennaio 2019)

[ Poetessa statunitense, vincitrice del National Book Awards 1992 e del Premio Pulitzer 1984, è autrice di saggi e numerose raccolte poetiche che descrivono la meraviglia della natura e della vita quotidiana. ]


[ Premio Pulitzer 1984 ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information