• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 23 Apr 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Debravo, Jorge Jorge Debravo: 'Resurrezione'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Jorge Debravo: 'Resurrezione'

Stampa PDF

Jorge Debravo

Resurrezione



In questa notte assetata ho chiesto
chi sei e chi sei.
Perché la tua carne è triste come un legno opaco
e perché hai la bocca piena di spilli.

E lentamente, stanotte ti ho separata
come un albero d'amore, dalle altre donne,
e facendo del mio sangue acqua, ho battezzato
i tuoi dolori e i tuoi piaceri.

E ho detto alla morte che non può uccidermi!
E ho detto alla vita che non mi può sconfiggere!
E ho detto alla terra che se riesce a seppellirmi,
dove mi seppellirà verrai a prendermi!
E ho detto al nulla che se riesce a spegnermi,
tu, con i tuoi grandi baci, tornerai ad accendermi!


[ FONTE ]


Jorge Debravo (Turrialba, 31 gennaio 1938 - San José, 4 agosto 1967)

[ Poeta costaricano. Autodidatta, nelle sue poesie si notano influssi di Pablo Neruda, César Vallejo, Amado Nervo, Gustavo Adolfo Bécquer e Walt Whitman. Morì a 29 anni in un incidente di motocicletta mentre si recava al lavoro di ispettore delle assicurazioni. ]




Scultura di: Edgar Zúñiga Jiménez - Monumento dedicato al poeta Jorge Debravo a Turrialba, in Costa Rica


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information