• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Domenica 21 Lug 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Yeats, William Butler William Butler Yeats: 'Il nido dello storno presso la mia finestra'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

William Butler Yeats: 'Il nido dello storno presso la mia finestra'

Stampa PDF

William Butler Yeats

Il nido dello storno presso la mia finestra



Le api costruiscono nelle crepe
delle murature che si sgretolano, e lì
le madri pennute portano vermi e mosche.
Il mio muro si sta sgretolando; api da miele,
venite a costruire nella casa vuota dello storno.

Noi siamo chiusi dentro, e la chiave è girata
sulla nostra incertezza; da qualche parte
un uomo è ucciso, o una casa bruciata,
i fatti non sono ancora chiari:
venite a costruire nella casa vuota dello storno.

Una barricata di pietra o di legna;
circa due settimane di guerra civile;
la notte scorsa han scarriolato giù per la strada
quel soldatino morto nel suo sangue:
venite a costruire nella casa vuota dello storno.

Ci siamo nutriti il cuore di fantasie,
con quella dieta il cuore si è indurito:
c'è più sostanza nei nostri rancori
che nel nostro amore; o api da miele,
venite a costruire nella casa vuota dello storno.


***

The stare's nest by my window


The bees build in the crevices
of loosening masonry, and there
the mother birds bring grubs and flies.
My wall is loosening; honey-bees,
come build in the empty house of the stare.

We are closed in, and the key is turned
on our uncertainty; somewhere
a man is killed, or a house burned,
yet no clear fact to be discerned:
come build in the empty house of the stare.

A barricade of stone or of wood;
some fourteen days of civil war;
last night they trundled down the road
that dead young soldier in his blood:
come build in the empty house of the stare.

We had fed the heart on fantasies,
the heart's grown brutal from the fare;
more substance in our enmities
than in our love; o honey-bees,
come build in the empty house of the stare.


(da 'Riflessioni in tempo di guerra civile', in 'La torre' - Poesia datata 1922)


[ FONTE ]



[ ASCOLTA LA POESIA RECITATA DA ALBERTO ANGRISANO ]



William Butler Yeats (Dublino, 13 giugno 1865 – Roquebrune-Cap-Martin, 28 gennaio 1939)

[ Poeta, drammaturgo, scrittore e mistico irlandese. Spesso indicato come W. B. Yeats, fu anche senatore dello Stato Libero d'Irlanda negli anni venti. Fu insignito del Premio Nobel per la Letteratura nel 1923 "per la sua poetica sempre ispirata, che con alta forma artistica ha dato espressione allo spirito di un'intera nazione". ]


[ Premio Nobel 1923 ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information