• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 15 Giu 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Leopardi, Giacomo Giacomo Leopardi: 12. Canto XII - 'L'infinito'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Giacomo Leopardi: 12. Canto XII - 'L'infinito'

Stampa PDF

Giacomo Leopardi

L'infinito



Sempre caro mi fu quest'ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di là da quella, e sovraumani

silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensiero mi fingo; ove per poco

il cor non si spaura. E come il vento

odo stormir tra queste piante, io quello

infinito silenzio a questa voce

vo comparando: E mi sovvien l'eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. Così tra questa

immensità s'annega il pensier mio:

e il naufragar m'è dolce in questo mare.


(da 'Canti', 1835)


[ FONTE 1 ]

[ FONTE 2 ]


[ GUARDA LA VIDEO-POESIA OMONIMA RECITATA DA VITTORIO GASSMAN ]


[ GUARDA LA POESIA RECITATA DA DUSTIN HOFFMAN PER LO SPOT TV DELLA REGIONE MARCHE DEL 2010 ]


Giacomo Leopardi, al battesimo conte Giacomo Taldegardo Francesco di Sales Saverio Pietro Leopardi (Recanati, 29 giugno 1798 – Napoli, 14 giugno 1837)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI GIACOMO LEOPARDI ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information