• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 13 Apr 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Turoldo, David Maria David Maria Turoldo: 'Un rombo di parole ha vinto'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

David Maria Turoldo: 'Un rombo di parole ha vinto'

Stampa PDF
David Maria Turoldo

Un rombo di parole ha vinto



25 aprile 59

Sotto gli occhi fan grumo
lacrime e fango dei morti
erranti per le città.

Ora più soli dei cani,
svagati nei bar a guardare
tutti e nessuno,
o fermi alle porte di casa.

Sono innumeri volti
allora allucinati da speranze
e furori troppo a lungo repressi.

Scendevano dai monti
o sorgevano dal selciato
rotto, e cantavano
per dimenticare fame
e derisione di fratelli
e celare al nemico
la penuria di armi.

Non avevano armi e pregavano
per te, Italia: «O umile
Italia, ti liberiamo.
La paura ci ha abbandonati
vivi in mezzo alle macerie».
Di nuovo lasciati soli
dalle città ritornate a festa.

Ma non chiedono
nessuna vendetta o pietà.


(da 'Se tu non riappari', Mondadori, 1963)


[ FONTE ]


David Maria Turoldo, al secolo Giuseppe Turoldo (Coderno, 22 novembre 1916 – Milano, 6 febbraio 1992)

[ Poeta, presbitero, teologo, filosofo e scrittore italiano, membro dell'Ordine dei servi di Maria. Fu sostenitore delle istanze di rinnovamento culturale e religioso della Chiesa, di ispirazione conciliare. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI DAVID MARIA TUROLDO ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information