• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 19 Giu 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Flórez, Julio Julio Flórez: 'Quando laggiù, laggiù sui mari profondi'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Julio Flórez: 'Quando laggiù, laggiù sui mari profondi'

Stampa PDF

Julio Flórez

Quando laggiù, laggiù sui mari profondi



Quando laggiù, laggiù sui mari profondi,
da sola tu pensi al mio grande dolore,
se esali un sospiro per i miei affanni,
questo sospiro mandamelo sulle onde.

Quando il sole con i suoi raggi
dall'oriente ricama le trine e le garze di nebbie,
se mormori una preghiera per l'assente,
lascia che me la conducano le rondini.

Quando la sera perde le tristi vesti
e tornano cenere le nubi rosse
mandami un bacio ardente sopra le ali
delle foglie che giocano nella brezza.

Così io, quando la notte stende il suo manto,
io, che porto nell'anima le sue mute orme,
con i lamenti ti invierò un dolce canto
nella tremolante luce delle stelle.


(da 'Gocce di assenzio', 1909)


[ FONTE ]


Julio Flórez (Chiquinquirá, 22 maggio 1867 – Bogotá, 7 febbraio 1923)

[ Poeta colombiano. Fu uno dei più popolari poeti romantici della sua epoca, opponendo il suo lirismo prolisso e il suo esagerato scetticismo ai dettami delle nuove correnti in ascesa: il Modernismo, il Simbolismo e il Parnassianesimo. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information