• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 13 Apr 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Cadenas, Rafael Rafael Cadenas: 'La mia piccola palestra'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Rafael Cadenas: 'La mia piccola palestra'

Stampa PDF

Rafael Cadenas

La mia piccola palestra



Consiste in un tappetino che calpesto con accompagnamento musicale.
Un sacco di sabbia dove scarico tutto il peso della strada.
Una stuoia per fare contorsioni che generano oblio.
Una staffa triangolare dove mi nascondo per non vedere.
Una corda dove mi punisco per tutta la prudenza della giornata.
Un attrezzo a forma di O in cui mi piego per evitare le pretese della mia coscienza.
Una sbarra orizzontale su cui rido delle mie intenzioni.
Un asse dove do colpi inutili che potrebbero essere meglio diretti.
Un piccolo estensore idiota che mi tende per tutti i frutti che non ho preso, gli atti che non ho compiuto, le parole che non ho osato dire.
Una fune dove storco il braccio destro per tutte le mie indecisioni, dimenticanze, cambiamenti.
Il resto è costituito dal corredo ordinario di ogni atleta. Gli esercizi vengono eseguiti al buio. Per la vergogna non ammetto spettatori. (Il malcontento sordo, d'altra parte, annegherebbe chiunque osasse entrare).
Sono ancora un principiante. Non sono riuscito a raggiungere le ginocchia con la fronte, è ancora impossibile per me inarcarmi all'indietro fino a toccare terra, né posso stare sulle mani.
A volte la pesantezza eccessiva mi rende ridicolo. (Mi ricordo in posizioni pietose e provo dolore). Nonostante i miei sforzi rimango carnivoro, rude, indisciplinato.
In fondo, gli esercizi mirano a fare di me un uomo razionale, che vive con precisione e aggira i labirinti. In codice, perseguo la mia trasformazione in Uomo Numero Tale. Chiaramente e nella mia intimità, spero con essi di smettere di essere assurdo.


(da 'False manovre', 1966)


[ FONTE ]


Rafael Cadenas (Barquisimeto, 8 aprile 1930)

[ Poeta, saggista e docente universitario venezuelano. Fece parte del gruppo "Tavola Rotonda". Dotato di una raffinata sensibilità poetica, ha creato un'opera vincolata al pensiero filosofico. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information