• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 23 Apr 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Ibico Ibico: 'Mi guarda tra le palpebre azzurrine'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ibico: 'Mi guarda tra le palpebre azzurrine'

Stampa PDF

Ibico

Mi guarda tra le palpebre azzurrine



Mi guarda tra le palpebre azzurrine
Eros che strugge
con infinite malie
con le inafferrabili reti della Dea,
s'accosta e tremo,
come un cavallo vecchio provato
spinto col carro rapido
riottosamente, ancora, alla battaglia.


***

Ἔροϛ αὖτέ με κυανέοισιν ὑπό


Ἔροϛ αὖτέ με κυανέοισιν ὑπό
βλεφάροις τακέῥ ὄμμασι δερκόμενος
κηλήμασι παντοδαποῖσ’ ἐς ἅπειρα
δίκτυα Κύπριδι βάλλει.
ἦ μὰν τρομέω νιν ἐπερχόμενον,
ὥστε φερέζυγος ἵππος ἀεθλοφόρος ποτί γήρᾳ
ἀέκων σὺν ὄχεσφι θοοῖσ’ ἐς ἅμιλλαν ἐβα.


(da 'La poesia d’amore antica', Bur, 2013 – Traduzione di Enzo Mandruzzato)


[ FONTE ]


Ibico (Reggio, 570 a.C. circa – Corinto?, dopo il 522 a.C.)

[ Poeta greco antico di lirica corale. Restano solo frammenti pari a meno di 100 versi delle sue poesie: carmi lirici di contenuto eroico e poesie d'amore soprattutto in lode della bellezza degli efebi. Cicerone lo considerava poeta d'amore più ardente di tutti gli altri poeti greci. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information