Karmelo C. Iribarren: 'Che fortuna che ho'

Stampa

Karmelo C. Iribarren

Che fortuna che ho



È sul divano, raccolta
come un uovo. Parla
con sua madre al telefono.
Ride. Poi corruga appena
la fronte. Cose così.
Io la guardo soltanto:
c’è luce in lei, anima, vita,
mi piace osservarla, ascoltare
la sua voce. Talvolta non
posso fare a meno di dirmelo:
Che fortuna che hai, scemo!


[ FONTE ]


Karmelo C. Iribarren (San Sebastián, 19 settembre 1959)

[ Poeta spagnolo, autodidatta. Associata al "realismo sporco" di Charles Bukowski e Raymond Carver, in realtà la sua è una poesia più minimale, molto spesso frutto di osservazione della strada e dei bar, che l'ha fatta definire "realismo pulito" e "poesia di esperienza". Tra le sue raccolte poetiche, "Serie B ", "Dal fondo del bar ", "Ondata di gelo ", "Attraversando la notte ", "La pelle della vita ". ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information