Philip Larkin: 'Mattino infine: là nella neve'

Stampa

Philip Larkin

Mattino infine: là nella neve



Mattino infine: là nella neve le tue
lievi impronte d'arrivo e di ritorno.
Null'altro ci ha lasciato la notte di visibile,

non la candela, il vino bevuto a metà,
né il tocco della gioia; soltanto questo segno
della tua vita che alla mia cammina.

Finché la pioggia le cancelli, e resti
la verità cui ci svegliò il mattino;
felicità o dolore non sappiamo.

1° febbraio 1976


("Morning at last: there in the snow", da 'Collected Poems', 1988 - Traduzione di Silvio Raffo)


[ FONTE ]


Philip Larkin (Coventry, 9 agosto 1922 – Londra, 2 dicembre 1985)

[ Poeta, scrittore e critico musicale britannico. Esordì con "Il meno ingannato " nel 1955 rivelandosi poeta lirico moderno, esponente del cosiddetto "The Movement". Le sue poesie hanno un linguaggio diretto, colloquiale, senza oscurità, stile misurato e rifiuto del sentimentalismo. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information