Claudio Malune: 'Le porte attraverso i tuoi occhi'

Stampa

Le porte attraverso i tuoi occhi



Io non posso rientrare nel mondo,

non prima che la luna si fletta.


Mai la sua luce fu così immonda

e puerile:

la strada mi bacia,

vorrebbe cullarmi,

ma io non posso tornare nel mondo

così di fretta.

Riesco a stento a tenere

il trabocco, e le mie radici, poi,

m'impongono una scelta;

la musica è lontana,

quasi un sibilo,

ma mai così vicina

come da tempo

non ricordavano i miei

sogni.


Il mondo riaprirà i miei occhi

solamente in tua presenza,

con la tua stretta di cielo terso

scissa al mio respiro di carne.



(Claudio Malune)

The Images From Distant Earth, 'Heaven And Hell'

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information