• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Lunedì 25 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Chodasevič, Vladislav Vladislav Chodasevič: 'La pioggia'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Vladislav Chodasevič: 'La pioggia'

Stampa PDF

Vladislav Chodasevič

La pioggia



Di tutto sono felice: della città fradicia,
dei tetti, fino a ieri polverosi,
che oggi, lustri come seta lucida,
brillano in rivoli d'argento.

Felice della mia passione spenta,
guardo dalla finestra sorridendo,
mentre passi oltre veloce
per la strada scivolosa, sola.

Felice che più forte cada la pioggia,
mentre, riparata in un androne altrui,
tu rovesci l'ombrello bagnato,
sgrullandoti dalla pioggia.

Felice che tu mi abbia dimenticato
quando esci da quel portico,
senza uno sguardo alla mia finestra,
senza rivolgermi il viso.

Felice che sia tu a passare oltre,
eppure che io possa vederti,
che tanto magnifica e innocente
passi col suo ardore la primavera.


(da 'Non è tempo di essere', Bompiani, 2019 – Traduzione di Caterina Graziadei)


[ FONTE ]


Vladislav Felicianovič Chodasevič (in russo: Владислав Фелицианович Ходасевич) (Mosca, 16 maggio 1886 – Parigi, 14 giugno 1939)

[ Poeta e critico letterario russo. Esordì su una rivista simbolista nel 1907 con "Giovinezza ". Discepolo di Maksijm Gor’kij, pubblicò in seguito la raccolta metafisica "La lira pesante ". Fu marito della scrittrice Nina Berberova. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information