• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 28 Nov 2020
You are here: Home Poesie d'Autore Pizarnik, Alejandra Alejandra Pizarnik: 'Mendica voce'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alejandra Pizarnik: 'Mendica voce'

Stampa PDF

Alejandra Pizarnik

Mendica voce



E ancora mi azzardo ad amare
il suono della luce in un'ora morta,
il colore del tempo in un muro abbandonato.

Nel mio sguardo ho perduto tutto.
Chiedere è così lontano. Così vicino sapere che non c'è.


***

Mendiga voz


Y aún me atrevo a amar
el sonido de la luz en una hora muerta,
el color del tiempo en un muro abandonado.

En mi mirada lo he perdido todo.
Es tan lejos pedir. Tan cerca saber que no hay.


(da 'La figlia dell'insonnia', Crocetti, 2020 - Traduzione di Claudio Cinti)


[ FONTE ]


Alejandra Pizarnik (Avellaneda, 29 aprile 1936 – Buenos Aires, 25 settembre 1972)

[ Poetessa e traduttrice argentina. La sua poesia è la risposta alle ansie e alle crisi depressive che la portarono a uccidersi ingerendo 50 pastiglie di Seconal: pura indagine, continua domanda sull'esistenza, sulla colpa e sull'eterno soffrire. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI ALEJANDRA PIZARNIK ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information