• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Lunedì 25 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Anghelaki-Rooke, Katerina Katerina Anghelaki-Rooke: 'Dice Penelope''
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Katerina Anghelaki-Rooke: 'Dice Penelope''

Stampa PDF

Katerina Anghelaki-Rooke

Dice Penelope



And your absence teaches
me what art could not

- Daniel Weissbort


Non tessevo, non lavoravo a maglia,
cominciavo uno scritto, lo cancellavo
sotto il peso della parola
perché l'espressione perfetta è ostacolata
quando dentro sei oppressa dalla pena.
E se l'assenza è il tema della mia vita
– l'assenza dalla vita –
sulla carta viene fuori il pianto
e il dolore naturale del corpo
che sa la privazione.

Cancello, strappo, soffoco
le urla vive:
"dove sei, vieni, ti aspetto
questa primavera è diversa dalle altre"
e al mattino ricomincio
con nuovi uccelli e lenzuoli bianchi
che si asciugano al sole.
Tu non sarai mai qui
ad annaffiare i fiori con la canna
e i vecchi soffitti che gocciolano
impregnati di pioggia
e la mia personalità
ch'è dissolta nella tua
quietamente, autunnalmente...
Il tuo cuore eletto
– eletto perché io l'ho scelto –
sarà sempre altrove
e io taglierò con le parole
i fili che mi legano
a quest'uomo particolare
del quale ho nostalgia
finché Ulisse diventi simbolo di nostalgia
e navighi per i mari
nella mente di ognuno.
Ogni giorno ti scordo
con passione
perché ti lavi dai peccati
del profumo e della dolcezza
e così purificato
entri nell'immortalità.
È un lavoro duro e ingrato.
Unica ricompensa, se alla fine
capirò cosa sia la presenza umana,
cosa sia l'assenza
o come funziona l'io
in tanta desolazione, in tanto tempo
come nulla fermi il domani
il corpo continua a rigenerarsi
si alza e si corica sul letto
quasi abbattuto a colpi d'ascia
a volte infermo a volte innamorato
sempre con la speranza
che quanto perde in tatto
lo guadagni in sostanza.


(da 'Poeti greci del Novecento', Mondadori, 2010 - Traduzione di Nicola Crocetti)


[ FONTE ]


Katerina Anghelaki-Rooke (in greco: Κατερίνα Αγγελάκη-Ρουκ) (Atene, 22 febbraio 1939 – Atene, 21 gennaio 2020)

[ Poetessa e traduttrice greca. Le sue poesie, con una costante meditazione sulla morte, trattano la relazione tra l'essere umano e la natura, la ricerca esistenziale femminile, l'esperienza di essere donna in una società tradizionale, con un linguaggio semplice e colloquiale. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information