• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 13 Ago 2020
You are here: Home Poesie d'Autore Cattafi, Bartolo Bartolo Cattafi: 'Confine'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Bartolo Cattafi: 'Confine'

Stampa PDF

Bartolo Cattafi

Confine



Secco duro gessoso
apparve il disegno del paese.
Là portammo le nostre
leggi, sistemi
di peso, di moneta, di misura.
Il mondo si concluse entro un confine
di pietre abbacinanti,
non vedemmo al di là di quell'altro mondo:
valido, vittorioso
quando ci travolse.
Vagammo a lungo
nei luoghi perduti.
Il paese ci apparve in movimento,
fertile, fluido, mutevole,
ricco di regole e di merci,
emporio e scalo di molte regioni.
Secco duro gessoso sovente è l'occhio,
le mani, lo scalpello lo assecondano,
foggiano cose a nostra somiglianza.


(da 'L'osso, l'anima', Mondadori, 1964)


[ FONTE ]


Bartolo Cattafi (Barcellona Pozzo di Gotto, 6 luglio 1922 – Milano, 13 marzo 1979)

[ Poeta italiano. La sua poesia spazia sui dilemmi esistenziali con sensibilità di diarista, spesso con uno sguardo metafisico dove sono protagonisti il vuoto e la solitudine. Nei suoi versi il tema del viaggio è una costante metafora del vivere. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI BARTOLO CATTAFI ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information