• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Lunedì 06 Lug 2020
You are here: Home Poesie d'Autore Pasolini, Pier Paolo Pier Paolo Pasolini: 'Alla mia nazione'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Pier Paolo Pasolini: 'Alla mia nazione'

Stampa PDF

Pier Paolo Pasolini

Alla mia nazione



Non popolo arabo, non popolo balcanico, non popolo antico
ma nazione vivente, ma nazione europea:
e cosa sei? Terra di infanti, affamati, corrotti,
governanti impiegati di agrari, prefetti codini,
avvocatucci unti di brillantina e i piedi sporchi,
funzionari liberali carogne come gli zii bigotti,
una caserma, un seminario, una spiaggia libera, un casino!
Milioni di piccoli borghesi come milioni di porci
pascolano sospingendosi sotto gli illesi palazzotti,
tra case coloniali scrostate ormai come chiese.
Proprio perché tu sei esistita, ora non esisti,
proprio perché fosti cosciente, sei incosciente.
E solo perché sei cattolica, non puoi pensare
che il tuo male è tutto male: colpa di ogni male.

Sprofonda in questo tuo bel mare, libera il mondo.



[ GUARDA LA VIDEO-POESIA OMONIMA RECITATA DA VITTORIO GASSMAN ]


Pier Paolo Pasolini (Bologna, 5 marzo 1922 – Ostia, 2 novembre 1975)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI PIER PAOLO PASOLINI ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information