• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 09 Dic 2021
You are here: Home Citazioni Gramigna, Giuliano Giuliano Gramigna: 'Sulla porta di casa'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Giuliano Gramigna: 'Sulla porta di casa'

Stampa PDF

Giuliano Gramigna

Sulla porta di casa



Cupole d'azzurro saccheggiate
da strie di nuvole candide
o "un biplano fra sfatta nuvolaglia"-
lui lo scrisse una volta
e noi lo saccheggiammo.
Che altro ci resta da saccheggiare?
Non la sua nitidezza cinese
tanto meno il vuoto che rilega
tre cento mille cieli
dal Mlunzèl alla Funivia.
Sono morti, o stanno, quelli
che sapevano decrittare i nomi.
Bella langue pacificante
lingua di felicità.

*

La porta di casa fa resistenza
a rinchiudersi alle mie spalle
quasi non volesse
mettermi fuori.
Ma io confondo continuamente
il dentro e il fuori. Non riesco
più a decifrare
le letterine dell'inconscio.


(da 'Quello che resta', Mondadori, 2003)


[ FONTE ]


Giuliano Gramigna (Bologna, 31 maggio 1920 – Milano, 15 aprile 2006)

[ Poeta, scrittore e critico letterario. La sua poesia, passata dall'Ermetismo alla Neoavanguardia, incrociò l'eticità civile della "Linea Lombarda" con una visione sperimentale nutrita di cultura psicanalitica, strutturalismo e semiologia. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information