• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 23 Ago 2017
You are here: Home Poesie d'Autore Plath, Sylvia Sylvia Plath: 'Limite'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sylvia Plath: 'Limite'

Stampa PDF

Sylvia Plath

Limite


La donna ora è perfetta.
Il suo corpo
morto indossa il sorriso della compiutezza,
...l'illusione di una necessità greca
fluisce nei volumi della sua toga,
i suoi piedi
nudi sembrano dire:
Siamo arrivati fin qui, è finita.
I bambini morti si sono acciambellati,
ciascuno, bianco serpente,
presso la sua piccola brocca di latte, ora vuota.
Lei li ha raccolti
di nuovo nel suo corpo come i petali
di una rosa si chiudono quando il giardino
s'irrigidisce e sanguinano i profumi
dalle dolci gole profonde del fiore notturno.
La luna, spettatrice nel suo cappuccio d'osso,
non ha motivo di essere triste.
È abituata a queste cose.
I suoi neri crepitano e tirano.


Sylvia Plath (Boston, 27 ottobre 1932 – Londra, 11 febbraio 1963)


[ Premio Pulitzer 1982 ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI SYLVIA PLATH ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information