• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 08 Apr 2020
You are here: Home Poesie d'Autore Sinòpoulos, Tàkis Tàkis Sinòpoulos: 'Tu e la poesia'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tàkis Sinòpoulos: 'Tu e la poesia'

Stampa PDF

Tàkis Sinòpoulos

Tu e la poesia



Torni e ritorni in questo salone
tanto nuda che ti guardano tutti.
Tormenti le poltroncine come se tormentassi il colpevole.
Ti dico di soffocare dentro di te questi uccelli selvaggi
ma tu li rimetti in libertà.
Ti rabbuia la tua afflizione
e vieni qui.
Da tempo torni e ritorni.
Risplendono le tue ginocchia nel salone.
Con le mie lacrime ti lavo le mani e le ascelle.
Ti lavo i piedi fino alle montagne.
Per vestirti ti regalo la mia voce più calda.
Ma tu te ne vai
come sei venuta
nuda
perché sempre ci sia una poesia
che parli
di te.


(da 'La notte e il contrappunto', 1959)


[ FONTE ]


Tàkis Sinòpoulos, o Takis Sinopoulos, o Tàkis Sinòpulos (in greco: Τάκης Σινόπουλος) (Pyrgos, 17 marzo 1917 – Atene, 25 aprile 1981)

[ Poeta greco della cosiddetta "Generazione del dopoguerra". Medico, fu anche un valente pittore. La sua opera subisce l'influenza del periodo storico vissuto dalla Grecia: la dittatura di Metaxas, l'occupazione, in cui fu prigioniero degli italiani, la guerra civile, la dittatura dei colonnelli. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information