• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 16 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Tjutčev, Fëdor Fëdor Tjutčev: 'L'ultimo amore'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Fëdor Tjutčev: 'L'ultimo amore'

Stampa PDF

Fëdor Tjutčev

L'ultimo amore



Come, noi declinando, il nostro amore
è più tenero e più superstizioso!...
Luce d'addio dell'ultima passione,
luce d'occaso, splendi, splendi!

Già l'ombra ha preso mezzo il cielo,
all'occidente solo era un chiarore:
giorno venuto a sera, indugia, indugia,
e dura, dura ancora, incanto.

Venga pur meno il sangue nelle vene,
la tenerezza non vien meno in cuore...
Ultimo amore, o tu! tu sei
felicità e disperazione.

1852-54


(da 'Poesie', Adelphi, 2011 - Traduzione di Tommaso Landolfi)


[ FONTE ]


Fëdor Ivanovič Tjutčev, o Fyodor Ivanovich Tyutchev (in russo: Фёдор Иванович Тютчев) (Ovstug, 5 dicembre 1803 – Carskoe Selo, 27 luglio 1873)

[ Poeta e scrittore russo. Fu diplomatico per 22 anni, anche a Torino e a Monaco dove conobbe Heinrich Heine e Friedrich Schelling. Non si curò dei propri versi, che furono scoperti dai simbolisti russi a inizio Novecento. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information