• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 21 Set 2019
You are here: Home Poesie d'Autore Bufalino, Gesualdo Gesualdo Bufalino: 'Appuntamento presso un bunker abbandonato'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gesualdo Bufalino: 'Appuntamento presso un bunker abbandonato'

Stampa PDF
Gesualdo Bufalino

Appuntamento presso un bunker abbandonato



Io ti dico parole imparate a memoria:
le ascolti appena, frastornata dalla pioggia
che cade sul bunker di Punta Scalambra
e annunzia lungamente un altro addio.

Com'è lontano il mare, a guardarlo da qui,
da questi strombi sbreccati e inermi,
come lontana anche tu, e cangiata da ieri...
Per rivederti devo chiudere gli occhi.

Devo chiudere gli occhi per rivedere i tuoi,
invaghiti e ridenti, per risentire il fatuo
minuetto tra i tuoi capelli,
i chiusi trambusti del cuore.

Così dunque ci gioca il tempo e ci convince:
basta una raffica sbieca, un giornale che voli,
stremata procellaria, sul dirotto frangente;
quel cencio d'alga che ripugna fra le dita...

poco basta per dirci che l'estate è già morta,
gioventù menzognera dell'anno,
e che di noi, di lei non rimane che un solo
cieco pugno di polvere e di pioggia.

Anch'io, come un maltempo, sopra i tuoi giorni d'oro
recato non ho che deformi
relitti e presagi di fine
e qualche lamentosa fuggitiva pietà.

Un regalo di morte che butterai domani,
questo di me ti lascio, e null'altro, perdonami:
non potevo di più, io non so camminare
che a braccio d'un fantasma, oppure solo.

Ora lo sai, lo vedi: che servirebbe torcersi
le mani, piangere, stampare in un libro
che siamo stati felici, che un altr'anno
incontrandoci qui sorrideremo?

Lasciami allora andare solo incontro alla notte.
Tu resta a guardare la striscia di sole che torna,
l'airone sul grigio cemento lavato
che s'asciuga le vecchie penne.


(da 'La festa breve', in 'Opere. Vol. I 1981-1988', Bompiani, 2006)


[ FONTE ]


Gesualdo Bufalino (Comiso, 15 novembre 1920 – Vittoria, 14 giugno 1996)

[ Poeta, scrittore e aforista italiano. Insegnante, si rivelò tardi alla letteratura pubblicando nel 1981 "Diceria dell'untore ", con cui vinse il Premio Campiello. Con il romanzo "Le menzogne della notte " vinse nel 1988 il Premio Strega. Il suo stile ricercato, ricco e "anticheggiante" gli deriva dall'abilità linguistica e da una vasta cultura. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI GESUALDO BUFALINO ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information