• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 22 Ago 2019
You are here: Home Poesie d'Autore Caproni, Giorgio Giorgio Caproni: 'Venere'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Giorgio Caproni: 'Venere'

Stampa PDF

Giorgio Caproni

Venere



Dal fondo delle odorose
scogliere, al refrigerio
limpido del bel colore
marino, tu sorti accese
d'opaco lume le tenere
carni. E con trine
e con marmi
candidi e con sorrisi
di spume labili, doni
fatuo alle brezze un gioco
di prime voglie: sapori
casti di sale ai labbri
che tentano già i tuoi pii errori.


(da 'Ballo a Fontanigorda', Genova, Degli Orfini, 1938)


[ FONTE ]


Giorgio Caproni (Livorno, 7 gennaio 1912 – Roma, 22 gennaio 1990)

[ Poeta, critico letterario e traduttore italiano. Partito come preermetico attirato da uno scabro Espressionismo, approdò a un Ermetismo rivestito di un Impressionismo Idillico. Nella sua poesia canta soprattutto temi ricorrenti (Genova, la madre e Livorno, il viaggio, il linguaggio), unendo raffinata perizia metrico-stilistica a immediatezza e chiarezza di sentimento. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information