• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 22 Ago 2019
You are here: Home Poesie d'Autore Vitier, Cintio Cintio Vitier: 'A te leggo le mie poesie'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cintio Vitier: 'A te leggo le mie poesie'

Stampa PDF

Cintio Vitier

A te leggo le mie poesie



A te leggo le mie poesie
perché nascano davvero.
Il loro volto di parole
mi si disegna nel tuo d'amore
per la prima volta, e così protetto
mi duole meno la povertà
illuminata d'affetto.

Emula della dama assorta di Vermeer,
tu fissi sull'ago della bilancia il peso
dell'essenza fuggitiva, che sempre mi sfugge.

La salvazione o la perdizione d'ogni verso
pende dai tuoi occhi, capaci
di saggiare la poesia come il fuoco
saggia la spada.

Tu dici, musa
della mia passione, e della mia lucidità,
l'ultima parola, quella che manca,
come il bacio d'oro della madre
affinché il figlio risorga e io lo accetti.


(da 'Poesia', n° 276, Novembre 2012 - Traduzione di Nicola Licciardello)


[ FONTE ]


Cintio Vitier (Key West, Florida, Stati Uniti, 25 settembre 1921 - L'Avana, 1 ottobre 2009)

[ Poeta, narratore, saggista e critico letterario cubano. Vicino agli inizi al gruppo della rivista Orígenes, ha poi virato verso il compromesso politico e sociale sull'orma del poeta nicaraguense Ernesto Cardenal. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI CINTIO VITIER ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information