• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 20 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Machado, Manuel Manuel Machado: 'Tramonto'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Manuel Machado: 'Tramonto'

Stampa PDF

Manuel Machado

Tramonto



Voce del mare: un languido e sonoro
sospiro era in quel vespro... Non volendo
morire il giorno, con artigli d'oro,
alle scogliere s'afferrava, ardendo.

Ma il mare gli protese il suo orizzonte,
e il sole, infine, come in ricco letto,
ne' flutti immerse la dorata fronte,
stemperato in un vortice violetto.

Per il misero corpo dolorante,
per l'anima mia triste, lacerata,
per il rigido cuore sanguinante,

per l'amara mia vita affaticata...,
il mare amato, il mare dolce amante,
il mare, il mare, e sia ogni cosa obliata!...


(da 'Ars moriendi', 1921 - Traduzione di Oreste Macrì)


[ FONTE ]


Manuel Machado Ruiz (Siviglia, 29 agosto 1874 – Madrid, 19 gennaio 1947)

[ Poeta, scrittore e drammaturgo spagnolo, uno dei maggiori poeti della cosiddetta "Generazione del '98", espressione del Modernismo. Fratello maggiore del poeta Antonio Machado, fu segretario di Ruben Darío. La sua opera è stata a lungo trascurata a causa dell'adesione al Nazionalismo durante la Guerra di Spagna. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information