• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 22 Set 2020
You are here: Home Poesie d'Autore Bosquet, Alain Alain Bosquet: 'Mozart'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alain Bosquet: 'Mozart'

Stampa PDF

Alain Bosquet

Mozart



Mozart mi accompagnava. Parlavo alle peonie.
Gli scarabei mi raccontavano le loro avventure nell'aldilà.
Rileggevo Rilke e Rimbaud.
In mio onore una collina organizzava

il disgelo della sua neve. Faceva freddo nell'anima
come sulla riva di un ruscello. Perdevo l'abitudine
di protestare contro la vita. Una giumenta
cercava forse un dio. L'azzurro era mansueto

sotto le mie dita disinvolte. Ero duraturo,
imitavo il ciottolo, il fogliame, la corteccia.
Per me la strada si metteva il suo abito di gala,

e ne ero felice. La mia poesia si asciugava,
senza che la supplicassi, una a una le sue lacrime.
Mozart non aveva più il broncio. Io dimenticavo la mia vecchiaia.


(da 'Je ne suis pas un poète d'eau douce: Poésies complètes (1945-1994)', Gallimard, 1996)


[ FONTE ]


Anatole Bisk, detto Alain Bosquet (Odessa, 28 marzo 1919 – Parigi, 8 marzo 1998)

[ Poeta e scrittore di origini ucraine naturalizzato francese nel 1980. Combattente nella Seconda Guerra Mondiale prima con l'esercito belga e poi con quello americano, prese parte alla programmazione dello sbarco alleato in Normandia. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI ALAIN BOSQUET ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information