• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Venerdì 07 Ago 2020
You are here: Home Opere Il profumo dell'olio dei pini Claudio Malune: 'Edera di libeccio'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Claudio Malune: 'Edera di libeccio'

Stampa PDF

Edera di libeccio



Nessun dubbio potrebbe di vita e miracoli

sopravvivere alle dolenti onde.

 

Si rispecchiano le ceneri di un momento,

e notte e giorno si spartiscono

un timido desiderio di luce.

 

Dove splendi le tue brezze,

edera di libeccio?

 

I pini della tua primavera

tornano a riflettere le loro ceneri

ai ruderi del petto,

e d'aria si catturan le tue delicate incertezze.

 

Dove stagni quei dimenticati sorrisi,

glicine dell'assolato diletto?

 

Di te si addolcisce la spiaggia.



(Claudio Malune)




Marco Curreli, disegno ispirato alla poesia 'Edera di libeccio'

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information