• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 16 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Esenin, Sergej Sergej Esenin: 'Tu dicevi che Saadi'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sergej Esenin: 'Tu dicevi che Saadi'

Stampa PDF

Sergej Esenin

Tu dicevi che Saadi



Tu dicevi che Saadi
Baciava soltanto sul seno.
Aspetta, per amor di Dio,
Anch'io prima o poi imparerò!

Tu cantavi: «Oltre l'Eufrate
Le rose sono più belle delle fanciulle».
Se io fossi ricco,
Avrei composto un'altra melodia.

Io avrei colto quelle rose,
Perché per me la sola gioia –
È che non ci sia niente al mondo
Di meglio della cara Šaganè.

E non tormentarmi con i comandamenti,
Io non ho comandamenti.
Visto che sono nato poeta,
Per questo, bacio come un poeta.

19 dicembre 1924


(da 'Motivi persiani', 1925 - Traduzione di Eridano Bazzarelli)


[ FONTE ]


Sergej Aleksandrovič Esenin, traslitterato anche come Yesenin o Jesenin, in russo Сергей Александрович Есенин (Konstantinovo, 3 ottobre 1895 – Leningrado, 28 dicembre 1925)

[ Poeta russo imagista. Nato da una famiglia contadina, le sue poesie furono influenzate dal folklore russo. Nel 1922 sposò la ballerina statunitense Isadora Duncan, da cui divorziò nel 1924. L'anno seguente fu trovato morto in un albergo di Leningrado forse suicida forse ucciso da agenti della polizia sovietica. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information