• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 08 Dic 2022
You are here: Home Poesie d'Autore de Otero, Blas Blas de Otero: 'Corpo della donna'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Blas de Otero: 'Corpo della donna'

Stampa PDF

Blas de Otero

Corpo della donna



Tantalo, in fuggitiva fonte d'oro
Quevedo


Corpo della donna, torrente d'oro
dove, affondate le braccia, cogliamo
un bagliore azzurro, qualche raspo
di luce strappato a una fronda d'oro.

Corpo della donna, ampio mare d'oro,
dove, amando le mani, non sappiamo
se i seni sono onde, se sono remi
le braccia, se sono solo ali d'oro...

Corpo della donna, fonte di pianto
dove, dopo tanta luce, da tanto
tatto lieve, di Tantalo è la pena.

E nella solitudine di Dio
sentiamo due solitudini, catena
muta che àncora anime e fango in Dio.


(da 'Angelo fieramente umano', 1950)


[ FONTE ]


Blas de Otero Muñoz (Bilbao, 15 marzo 1916 – Majadahonda, Madrid, 29 giugno 1979)

[ Poeta spagnolo. Esponente della Generazione del '36, segue la corrente poetica chiamata "Poesia Sradicata" attraverso la quale gli autori esprimono il proprio disagio e malessere nei confronti di un mondo che appare caotico e doloroso e nel quale non si riconoscono. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information