• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Lunedì 25 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Azenha, Maria Maria Azenha: 'Il ritorno di una poesia senza voce'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Maria Azenha: 'Il ritorno di una poesia senza voce'

Stampa PDF

Maria Azenha

Il ritorno di una poesia senza voce



Il sole accende la pagina di quaderno dove scrivo,
le lenzuola al vento scuotono le foglie degli alberi. Ascolto le lettere
della primavera dondolare sul campo tra i tavoli
vive nella forza della poesia che passa veloce
e mi lascio inondare dalle acque nate dall'assenza.

La poesia passa come l'espressione di un cerchio con altri cerchi inscritti
liberarsi del centro è il suo
movimento,
riunirsi nel testo con la polvere delle ore.

Ne scrivo copie ovunque.
Il bambino che giace nella notte, che piange nel bosco, cerca la sua voce.
E per la prima volta la poesia parla.

Il corpo si sente linguaggio nel fluire delle acque
ci sono rose sottili che dal testo vengono a cercarci.
Come disse Rilke,
quello che fa crescere la sensualità è il fluire della luce.


(da 'D'amore ardono i boschi', Edizione dell’Autore, 2010)


[ FONTE ]


Maria da Conceição da Silva Rodrigues Azenha (Coimbra, dicembre 1945)

[ Poetessa portoghese. Laureata in Matematica, ha insegnato a Coimbra, Évora e Lisbona e alla Scuola d'Arte "António Arroio". ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information