• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Lunedì 28 Nov 2022
You are here: Home Poesie d'Autore Kefala, Antigone Antigone Kefala: 'L'acrobata'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Antigone Kefala: 'L'acrobata'

Stampa PDF

Antigone Kefala

L'acrobata



Io sono colui che celebra giorno dopo giorno
il rituale della ricerca davanti al tuo occhio nudo.
Non arrivo a te, benché
riesca ad urlare il tuo nome,
nello sconfinato desolato cielo,
giorno dopo giorno, anno dopo anno,
eternità. Lo sai bene.

Urlo solo per quietare la paura.
Riscaldo il corpo gelato con la mia eco.
Fingo che tu non sia là.
Dimentico me stessa
ammirando i miei giochi di prestigio.
Resisti. Lo sforzo di tenerti
a questa fune tesa che non dà
sostegno contro l'oscurità.

Chi mi insegnerà a non avere paura
della caduta?


(da 'L'alieno', 1973)


[ FONTE ]


Antigone Kefala (Brăila, Romania, 28 maggio 1935)

[ Poetessa e narratrice australiana di origini greche, considerata tra le voci principali dell'emigrazione: la sua poesia è spesso centrata sull'alienazione e sulle differenze che prova chi è catapultato in un paese straniero. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI ANTIGONE KEFALA ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information