• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Venerdì 24 Nov 2017
You are here: Home Poesie d'Autore Betocchi, Carlo Carlo Betocchi: 'A cuci e scuci, 3'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Carlo Betocchi: 'A cuci e scuci, 3'

Stampa PDF
Carlo Betocchi

A cuci e scuci, 3



Non sei contento del possesso dei giorni?
Temi di perderlo? Credi d'esser da più
di ciò che sempre muta e viene disfatto?
Non ti basta quel po' di sole che ancora
investe il tuo corpo che invecchia? Guarda,
stamani disfano il tetto della casa di fronte.
Mettono a nudo i correnti, ch'erano marci.
Li mutano. E intanto ripiove. Lesti li ricoprono,
con le tegole vecchie. E i coppi restano,
a mucchi, sul colmigno. E subito il sole
che torna luccica sulle tegole ignude,
e tu ti senti in cuore un di più che ti strugge
- vergógnati - d'amore per te, mentre in cielo
rulla un tamburo lontanissimo, azzurro,
per la tua libertà, che è un grido che vola.


(da 'Un passo, un altro passo', Mondadori, 1967)


[ FONTE ]


Carlo Betocchi (Torino, 23 gennaio 1899 – Bordighera, 25 maggio 1986)

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information