• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 25 Set 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Bécquer, Gustavo Adolfo Gustavo Adolfo Bécquer: 'Rime - 07. VII - Del salotto nell'angolo buio'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gustavo Adolfo Bécquer: 'Rime - 07. VII - Del salotto nell'angolo buio'

Stampa PDF

Gustavo Adolfo Bécquer

VII.



Del salotto nell'angolo buio,
dal suo padrone forse dimenticata,
silenziosa e coperta di polvere,
si vedeva l'arpa.

Quante note dormivano sulle corde,
come uccelli che dormono sui rami,
sperando la mano di neve
che sa come strapparle!

Ahi! - pensai - Quante volte il Genio
così dorme nel fondo dell'anima,
e una voce, come Lazzaro, aspetta .
che gli dica: «Alzati e cammina!».


***

Rima VII


Del salón en el ángulo oscuro,
de su dueña tal vez olvidada,
silenciosa y cubierta de polvo
veíase el arpa.

¡Cuánta nota dormía en sus cuerdas
como el pájaro duerme en las ramas,
esperando la mano de nieve
que sabe arrancarlas!

—¡Ay! —pensé—; ¡cuántas veces el genio
así duerme en el fondo del alma,
y una voz, como Lázaro, espera
que le diga: «¡Levántate y anda!»


(da 'Rime', 1871 – Traduzione di Marina Cepeda Fuentes)


[ FONTE ]


Gustavo Adolfo Domínguez Bastida, più noto come Gustavo Adolfo Bécquer (Siviglia, 17 febbraio 1836 – Madrid, 22 dicembre 1870)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI GUSTAVO ADOLFO BÉCQUER ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information