• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 19 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Bàrberi Squarotti, Giorgio Giorgio Bàrberi Squarotti: 'Gramigna'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Giorgio Bàrberi Squarotti: 'Gramigna'

Stampa PDF

Giorgio Bàrberi Squarotti

Gramigna



Nell'orto, il vecchio professore strappa
la gramigna, le radici delle viti
selvatiche, ossa e crani un po' sbrecciati,
poi il turgore ardente per coltivare
delle fragole, fragilità
candida di un ciliegio, la speranza
delle future mele rosse, l'oro
dei fiori, dell'alloro, il melograno
e tutte le altre immagini del tempo
ch'egli crede con la primavera
trionfalmente si rinnovi. Oh fede
vana della ragione più che voce
vuota nell'ombra di un cespuglio debole,
neppure appare un nome che lì voglia
mostrarsi un poco per fargli capire
che il tempo non esiste, ma soltanto
l'attimo eterno del bel corpo nudo.

Firenze, 28 aprile 2002


(da 'Le vane nevi', 2002)


[ FONTE ]


Giorgio Bàrberi Squarotti (Torino, 14 settembre 1929 – Torino, 9 aprile 2017)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI GIORGIO BÀRBERI SQUAROTTI ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information