• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Lunedì 25 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Álvarez, José María José María Álvarez: 'Aymant'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

José María Álvarez: 'Aymant'

Stampa PDF

José María Álvarez

Aymant



Come Benvenuto Cellini, il quale mi attrae più che i maestri del Quattrocento,
mi piace errare sulla spiaggia abbandonata dalla marea, raccogliendo conchiglie e ciottoli.

Claude Lévi-Strauss


...Le vecchie spiagge. Dove sempre
qualcosa
ti porta. Non c'è altra emozione
al mondo come le spiagge...

Cammini in riva al mare. Il sole che lo trafigge,
il velo cristallino,
e le conchiglie
semisepolte dalla sabbia, le strisce
azzurre
disegnate dalla luce.

Non è la tua memoria
che riconosce,
dove sono depositati questa luce, questi colori
queste spiagge trasparenti, la sensazione
del mare tra le dita.
È una felicità senza passato. Solo un istante
di esaltazione, la
Vita
oltre
l'intelligibile.


(da 'Museo delle cere', 1974)


[ FONTE ]


José María Álvarez (Cartagena, 31 maggio 1942)

[ Poeta, saggista e narratore spagnolo. È traduttore di Konstantinos Kavafis, Friedrich Hölderlin, Robert Louis Stevenson, William Shakespeare, François Villon e Thomas Stearns Eliot. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information