• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 27 Nov 2021
You are here: Home Raccolte Poetiche L'oceano che ci abita (2016) Claudio Malune: 'Immobile nella profondità di campo'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Claudio Malune: 'Immobile nella profondità di campo'

Stampa PDF

Immobile nella profondità di campo



Vengo a prenderti
nella deformità del flusso,
non muoverti.

Fra il gusto e il tatto,
guardarti o coglierti
con l'olfatto,
nella solitudine dei sensi
il senso s'azzera, rivivendo-
ed io inizio a percepirti
con occhi, bocca e mani
che librano –immensi- in tutt'altra
trascendenza.

Ma tu non muoverti,
rimani immobile per il corso
di mille solstizi.
Tieniti spoglia per me,
inventami un nuovo livello
di trasparenza
e non maturare interesse
per nessun'altra nostalgia,
nessun altro sguardo
che non sia il mio.

Anche se mi trovassi distante,
lontano dalla tua penombra,
non esiste stagione
che possa spegnere
il destino di due lucciole
migranti:
dopotutto,
solamente chi fugge
può tornare.



(Claudio Malune)



* 2011: Poesia scelta come 'Poem of the week' (Poesia della settimana, dal 14/02/'11 al 20/02/'11) dal sito "VIR-US poesia".


* Commento:

La lirica di Claudio Malune ci trascina in un amore che, partito dalla concretezza vorticosa dei sensi, in cui tutto può essere utile per percepire il tutto che l’amata rappresenta, arriva a sfumarsi in pura trascendenza, in pura contemplazione. L’autore congiunge, dunque, due fondamentali stadi d’amore che sono in un amore reale sanno coesistere e abbracciarsi. Eppure anche quel legame profondissimo è distanza. Ma la nostalgia, quella che Claudio chiede sia unicamente a lui rivolta, è il vero legame, il vero anello che lo congiunge all’amata. "Dopotutto, / solamente chi fugge / può tornare…", ci sussurra la ben riuscita chiusa. La distanza avvertita come dolore denuncia un legame che, finché c’è pensiero per l’altro e solo per l’altro, rimane inscindibile, come una molla dilatata che desidererebbe comprimersi fino a fare congiungere i due estremi.

(di: Federica Volpe)



* Poesia pubblicata anche sul mio profilo personale all'interno del portale di Luigi Ladu 'www.luigiladu.it', sezione 'Autori Italiani'.


Giulia Nardo, foto ispiratrice della poesia 'Immobile nella profondità di campo'

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information