• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Venerdì 22 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Campana, Dino Dino Campana: 'Batte botte'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dino Campana: 'Batte botte'

Stampa PDF

Dino Campana

Batte botte



Ne la nave
Che si scuote,
Con le navi che percuote
Di un'aurora
Sulla prora
Splende un occhio
Incandescente:
(Il mio passo
Solitario
Beve l'ombra
Per il Quais)
Ne la luce
Uniforme
Da le navi
A la città
Solo il passo
Che a la notte
Solitario
Si percuote
Per la notte
Dalle navi
Solitario
Ripercuote:
Così vasta
Così ambigua
Per la notte
Così pura!
L'acqua (il mare
Che n'esala?)
A le rotte
Ne la notte
Batte: cieco
Per le rotte
Dentro l'occhio
Disumano
De la notte
Di un destino
Ne la notte
Più lontano
Per le rotte
De la notte
Il mio passo
Batte botte.



[ GUARDA LA VIDEO-POESIA OMONIMA ]


Dino Campana (Marradi, 20 agosto 1885 – Scandicci, 1 marzo 1932)

[ Poeta italiano. L'unico accostabile ai "maudits" del Decadentismo europeo quali Arthur Rimbaud. La sua poesia brucia le scorie della tradizione di Giosuè Carducci e Gabriele D'Annunzio con un atteggiamento visionario che va oltre le cose e i dati realisticamente intesi. Di lui è nota l'appassionata relazione con Sibilla Aleramo. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI DINO CAMPANA ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information