• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Venerdì 22 Ott 2021
You are here: Home Citazioni Vaghenàs, Nasos Nasos Vaghenàs: 'Ballata dell'amante insicuro'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Nasos Vaghenàs: 'Ballata dell'amante insicuro'

Stampa PDF

Nasos Vaghenàs

Ballata dell'amante insicuro



Scrivere il tuo nome sopra i vetri
appannati,
attendere in stazioni dove hai atteso
per ore,
son cose che non danno né gioia
né dolore.

Suono azzurro, ancestrale, altissimo
profumo,
la tua voce scintilla come lacrima
angelica.
Ma il mio amore è l'amore degli Otelli.

E quando mi rinfòcola e quando mi
addormenta,
rabbrividisco e vedo innanzi Iago.
Mi dico: lega i giambi con lo spago.

Le poesie sono fiori molto esili,
nutriti dalla cònsona tristezza.
E l'ira, se si accumula, li spezza.


(da 'Ballate oscure', Crocetti, 2006 - Traduzione di Filippo Maria Pontani)


[ FONTE ]


Nasos Vaghenàs, anche translitterato in Vayenas (in greco: Νάσος Βαγενάς) (Drama, Grecia, 8 marzo 1945)

[ Poeta e traduttore greco della "Generazione del '70". Studioso di Giorgos Seferis, nei suoi versi tenta di riconsacrare la parola poetica, rivitalizzandone l'uso, il ritmo, l'importanza del verso libero, restituendo la grazia naturale di una autorialità non scambiabile. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI NASOS VAGHENÀS ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information