• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 01 Dic 2021
You are here: Home Citazioni Bishop, Elizabeth Elizabeth Bishop: 'Un'arte'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Elizabeth Bishop: 'Un'arte'

Stampa PDF

Elizabeth Bishop

Un'arte



Dell'arte di perdere si è facili maestri;
ogni cosa pare così colma dell'intento
d'andar persa, che perderla non è un disastro.

Perdi qualcosa ogni giorno. Accetta l'estro
delle chiavi perse, dell'ora senza sentimento.
Dell'arte di perdere si è facili maestri.

Poi allenati a un perdere ulteriore, un perdere più lesto:
luoghi, nomi, e ogni dove che la mente
voleva visitare. Nulla di ciò sarà un disastro.

Ho perso l'orologio della mamma. Impiastro!
E di tre amate case non ho salvato niente.
Dell'arte di perdere si è facili maestri.

Ho perso due città stupende. E in quel contesto,
diversi regni miei, due fiumi, un continente.
Mi mancano, ma non è stato un disastro.

Perfino nel perderti (il riso nella voce, un gesto
che amo) non avrò mentito. È evidente,
dell'arte di perdere non si è difficili maestri
anche se può sembrare (e scrivilo!) un disastro.


***

One Art


The art of losing isn't hard to master;
so many things seem filled with the intent
to be lost that their loss is no disaster.

Lose something every day. Accept the fluster
of lost door keys, the hour badly spent.
The art of losing isn't hard to master.

Then practice losing farther, losing faster:
places, and names, and where it was you meant
to travel. None of these will bring disaster.

I lost my mother's watch. And look! my last, or
next-to-last, of three loved houses went.
The art of losing isn't hard to master.

I lost two cities, lovely ones. And, vaster,
some realms I owned, two rivers, a continent.
I miss them, but it wasn't a disaster.

—Even losing you (the joking voice, a gesture
I love) I shan't have lied. It's evident
the art of losing's not too hard to master
though it may look like (Write it!) like disaster.


(da 'Geografie III' – Traduzione di Damiano Abeni)


[ FONTE ]


Elizabeth Bishop (Worcester, Massachusetts, 8 febbraio 1911 – Boston, Massachusetts, 6 ottobre 1979)

[ Poetessa statunitense. Considerata tra i più importanti poeti americani del ventesimo secolo, vinse il Premio Pulitzer 1956 e il National Book Award 1970. Le sue poesie trattano del senso di appartenenza nel mondo e delle esperienze umane di pena e desiderio. ]


[ Premio Pulitzer 1956 ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI ELIZABETH BISHOP ]


[ CLICCA QUI PER ASCOLTARE UNA VERSIONE DELLA POESIA RECITATA E MUSICATA DA VASCO BRONDI ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information