• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 26 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Urquiza, Concha Concha Urquiza: 'La canzone di giugno'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Concha Urquiza: 'La canzone di giugno'

Stampa PDF

Concha Urquiza

La canzone di giugno



Giugno, bracciate di sole
nella campagna fiorita,
che dirai alla mia anima
che ti vuole ascoltare?
Che dirai alla mia anima,
giugno, di verde vestito?
E l'amore dei ragazzi
risaliva alto sul monte;
l'amore delle ragazze
inseguiva i loro passi;
non lasciarono un bocciolo,
e neppure un fiore vivo...
Pan ha sospeso la nenia
del suo flauto primitivo.
Giugno, bagnato di pioggia,
giugno, dorato di grano,
rosso di terra di monte,
volto di un satiro amico,
tu credi che come allora
io mi ubriacherei con te?
Casa di oblio mi diedero
- muri alti, bianchi mattoni –;
l'Amato cercò l'entrata
del vello delle sue pecore;
la pace mi baciò il viso
attraverso l'inferriata...
Nel bosco tranquillo Eros
dimentica i suoi lamenti...
Giugno, dipinto di luna,
giugno, fasciato di ardori,
che dirai alla mia anima
che ti vuole ascoltare?
Che dirai alla mia anima,
giugno, di pioggia vestito?


[ FONTE ]


Concha Urquiza (Morelia, 1910 - Ensenada, 1945)

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information