• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 28 Gen 2023
You are here: Home Poesie d'Autore Shakespeare, William William Shakespeare: Sonetto 127 - 'Quante volte quando, mia musica, tu eseguisci'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

William Shakespeare: Sonetto 127 - 'Quante volte quando, mia musica, tu eseguisci'

Stampa PDF

William Shakespeare

Sonetto 127:
Quante volte quando, mia musica, tu eseguisci


Quante volte quando, mia musica, tu eseguisci
Sopra quel legno avventurato il cui scatto dà suono
Insieme alle tue dita dolci e gentilmente muovi
Concordia delle corde che rapisce l'orecchio attento,

Invidia ho di quei salterelli che agili si protendono
A baciare della tua mano l'incavatura tenera,
Mentre le mie povere labbra di quella messe ansiose,
All'ardimento di quel legno accanto a te s'accendono!

Per essere così solleticate, cambierebbero stato
Accorrendo a prendere il posto di quei danzanti trucioli
Sui quali le tue dita scorrono con movenza gentile
Facendo il morto legno più felice di labbra vive.

Se hanno tanta fortuna quei salterelli petulanti,
Dà loro le tue dita da baciare, ma a me le labbra.


(Traduzione di Giuseppe Ungaretti)


[ FONTE ]


William Shakespeare (Stratford-upon-Avon, 26 aprile 1564 – Stratford-upon-Avon, 23 aprile 1616)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI WILLIAM SHAKESPEARE ]


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information