• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 01 Dic 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Shakespeare, William William Shakespeare: Sonetto 033 - 'Spesso, a lusingar vette, vidi splendere'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

William Shakespeare: Sonetto 033 - 'Spesso, a lusingar vette, vidi splendere'

Stampa PDF

William Shakespeare

Sonetto 033:
Spesso, a lusingar vette, vidi splendere


Spesso, a lusingar vette, vidi splendere
sovranamente l'occhio del mattino,
e baciar d'oro verdi prati, accendere
pallidi rivi d'alchimie divine.

Poi vili fumi alzarsi, intorbidata
d'un tratto quella celestiale fronte,
e fuggendo a occidente il desolato
mondo, l'astro celare il viso e l'onta.

Anch'io sul far del giorno ebbi il mio sole
e il suo trionfo mi brillò sul ciglio:
ma, ahimè, poté restarvi un'ora sola,
rapito dalle nubi in cui s'impiglia.

Pur non ne ho sdegno: bene può un terrestre
sole abbuiarsi, se è così il celeste.


(Traduzione di Eugenio Montale)


[ FONTE ]


William Shakespeare (Stratford-upon-Avon, 26 aprile 1564 – Stratford-upon-Avon, 23 aprile 1616)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI WILLIAM SHAKESPEARE ]


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information