• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 16 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Foppa, Alaíde Alaíde Foppa: 'Esilio'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alaíde Foppa: 'Esilio'

Stampa PDF

Alaíde Foppa

Esilio



La mia vita
È un esilio senza ritorno.
Non ebbe casa
la mia errante infanzia perduta,
non ha terra
il mio esilio.
La mia vita navigò
su vascelli di nostalgia.
Vissi sulle rive del mare
guardando l'orizzonte
verso la mia casa sconosciuta
pensavo di salpare un giorno
e il presente viaggio
mi lasciò ad altro porto di speranza.
È l'amore, forse,
la mia ultima baia?
Oh braccia che mi fecero prigioniera,
senza darmi riparo...
Anche dal crudele abbraccio
volli sfuggire.
Oh braccia fuggitive
che invano cercarono le mie mani...
Incessante fuga
e desiderio incessante
l'amore non è porto sicuro.
E non c'è terra promessa
per la mia speranza.


(da 'Poetica', anno 1, n° 1 - Traduzione di Mario Sigfrido Metalli)


[ FONTE ]


Alaíde Foppa Falla (Barcellona, Spagna, 22 marzo 1914 – Città del Guatemala, 19 dicembre 1980)

[ Poetessa, scrittrice e traduttrice guatemalteca. Esule in Messico, vi fondò la rivista femminista "Fem". Tornata in Guatemala per rinnovare il passaporto dopo l'assassinio del figlio, guerrigliero nella EGP, fu rapita in pieno giorno dai corpi paramilitari e presumibilmente assassinata. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information