• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Venerdì 21 Gen 2022
You are here: Home Opere Da qui si passa per amore della quintessenza Alessandro Parronchi: 'Contro la caccia'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alessandro Parronchi: 'Contro la caccia'

Stampa PDF
Alessandro Parronchi

Contro la caccia



L'aria è dolce, il cielo coperto.
Nella campagna inanimata
da stamani, domenica invernale,
sparano ininterrottamente.
Che uccideranno?

Discendo da una famiglia di cacciatori.
Mio padre stava fuori l'intero giorno
per riportare, a sera, una ghiandaia.
Tirava d'imbracciata
maledettamente bene.
Ma so che appena avuto l'animale
gli avrebbe reso vita volentieri.
Il suo non era gusto di uccidere
ma di cercare e scovare una preda.
Lo so ben io, che preda e ricerca
ho trasferito in parole ed immagini.
Devo a lui se ho conosciuto la selva
quando ancora esisteva e era possibile
ascoltarne l'inconscio respiro.
Ora non più. I boschi sono orti.
E l'istinto di uccidere si esercita
su passerotti dall'ali mozze
scampati a qualche tiro d'inesperto.

Non uccidete il cucùlo che segnala
il va e vieni della primavera
senza di che non so più orientarmi.
Non uccidete la tortora che cola
al molle filtro il grigio delle nuvole.
Non uccidete il merlo
ubriaco del mosto del crepuscolo.
Non uccidete la ghiandaia che tra nero
e bianco stringe al petto l'azzurro.
Non uccidete la lepre occhi e orecchi
spuntati sul sentiero.
Non uccidete la biscia d'erba viva
non sfrangete il piccolo cuore della lucertola
non uccidete la futile farfalla
né il ragno laborioso
né il rospo filosofo indifeso.
E se tutti questi sono morti?
Non avrete che larve
pei vostri fucili automatici.


(da 'Replay', Garzanti, 1980)


[ FONTE ]


Alessandro Parronchi (Firenze, 26 dicembre 1914 – Firenze, 6 gennaio 2007)

[ Poeta, storico dell'arte e traduttore italiano. Con il suo stile ricercato è passato da un Ermetismo incantato a un Intimismo che trae giovamento dalla consolazione della memoria: per questo le sue poesie sono oggetto di un meditato lavorio con cui il ricordo media l'emozione. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information