• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 23 Set 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Gangopadhyay, Sunil Sunil Gangopadhyay: 'Sguardo momentaneo'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sunil Gangopadhyay: 'Sguardo momentaneo'

Stampa PDF

Sunil Gangopadhyay

Sguardo momentaneo



Sei apparsa dall'altro lato della scarpata;
le tue labbra sazie del suono ondoso di un lago;
la brezza presa nel tuo velo come la randa di una barca.
Non calpestavano i tuoi piedi la terra.
Senza calpestare la terra con i piedi,
ti sei fermata coprendo l'orizzonte
come una dama di corte del paradiso
o una ninfa preraffaelita.
Un po' più in là,
mentre riposavo all'ombra di un albero
leggevo la storia della dentizione umana,
la schiavitù del fuoco e un documento
sulla guerra del pane.
Alzo la testa e la guardo fisso,
Chi è? Neera? O un'altra donna simile?
Da dove sei venuta? E perché?
Dove fuggirai di nuovo?
La luce del tramonto invernale diventa rossa all'improvviso;
le onde alte e basse si susseguono senza fine,
come se la coscienza stesse giocando a nascondino.
Tutto è irreale - senza dubbio - come certa è la realtà
di quello sguardo momentaneo.


[ FONTE ]


Sunil Gangopadhyay o Sunil Ganguly (Bengalese: সুনীল গঙ্গোপাধ্যায় Shunil Gônggopaddhae) (Faridpur, Bangladesh, 7 settembre 1934 – Calcutta, India, 23 ottobre 2012)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI SUNIL GANGOPADHYAY ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information