• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 19 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Gangopadhyay, Sunil Sunil Gangopadhyay: 'Il fiume lo sa'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sunil Gangopadhyay: 'Il fiume lo sa'

Stampa PDF

Sunil Gangopadhyay

Il fiume lo sa



Sulla riva del fiume resta solitaria
la camicia azzurra di qualche infelice
Non c'è nulla, neppure la chiara luce del giorno
Un giorno inutile pieno d'ombra
Dove è andato quell'uomo?
Nell'acqua, all'improvviso,
cercando un inferno che coprisse il suo cuore?
O forse si è sdraiato
nell'ornato silenzio del bosco?
Sul suo corpo sono cadute
alcune foglie
Gli infelici non lasciano tracce
dei passi perduti
Ma sulla riva del fiume questo sciame di fili azzurri
sembra la favola vera di ogni vita
Come se l'essenza di qualche respiro,
la vanità di un regno perduto, una lettera spiacevole
fossero mie, perché fui io che un giorno
qui affogai in silenzio: il fiume lo sa.


[ FONTE ]


Sunil Gangopadhyay o Sunil Ganguly (Bengalese: সুনীল গঙ্গোপাধ্যায় Shunil Gônggopaddhae) (Faridpur, Bangladesh, 7 settembre 1934 – Calcutta, India, 23 ottobre 2012)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI SUNIL GANGOPADHYAY ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information