• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 19 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Kenyon, Jane Jane Kenyon: 'Che scenda la sera'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Jane Kenyon: 'Che scenda la sera'

Stampa PDF

Jane Kenyon

Che scenda la sera



Che la luce del tardo pomeriggio
brilli attraverso le fenditure del granaio, scalando
le balle di fieno quando il sole si abbassa.

Che il grillo cominci a strimpellare
come una donna che prenda i ferri
e il suo filato. Che scenda la sera.

Che la rugiada si raccolga sulla zappa abbandonata
nell'erba alta. Che appaiano le stelle
e la luna scopra il suo corno d'argento.

Che la volpe torni alla sua tana sabbiosa.
Che cada il vento. Che nel fienile
entri l'oscurità. Che scenda la sera.

Per la bottiglia nel fosso, per la pala
nell'avena, per l'aria nei polmoni
che scenda la sera.

Che scenda, sia come sia, e non
avere paura. Dio non ci lascia
senza conforto, e allora che scenda la sera.


(da 'Otherwise: New & Selected Poems', 1996)


[ FONTE ]


Jane Kenyon (23 maggio 1947 - 22 aprile 1995)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI JANE KENYON ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information