• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 19 Gen 2021
You are here: Home Citazioni de Ibarbourou, Juana Juana de Ibarbourou: 'Canzone del desiderio di giubilo'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Juana de Ibarbourou: 'Canzone del desiderio di giubilo'

Stampa PDF

Juana de Ibarbourou

Canzone del desiderio di giubilo



Andremo per mari mai navigati
A pescare i rossi pesciolini dell'allegria.

Quando mi sentirai ridere, amore taciturno,
Crederai di ascoltare la musica dei miei braccialetti sottili.
O penserai che il vento, a cavalcioni sulla prua,
Si è messo a canticchiare una gioiosa canzone di marinai.

E nelle tue pupille erranti non si rifletterà ancora
La schiuma sconosciuta dei miei denti
Fra il corallo appena lavato delle labbra fresche.

Siccome non sai che so ridere, amore singhiozzante,
Rimarrai con gli occhi fissi sull'acqua.
A evocare uccelli di isole remote
O brevi canzoni chiare.

E lo stupore ti metterà in bocca
Il ronzio di tutte le parole mai dette
Quando capirai che ho gettato al porto del giubilo
La nostra notturna ebbrezza d'esser tristi.


(da 'La rosa de los vientos', 1931 - Traduzione di Vittorio Martinetto)


[ FONTE ]


Juana de Ibarbourou (Fernández Morales, da nubile), conosciuta popolarmente come Juana de América (Melo, 8 marzo 1892 - Montevideo, 15 luglio 1979)

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information