• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 19 Nov 2019
You are here: Home Citazioni Duo Duo Duo Duo: 'Sogno'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Duo Duo: 'Sogno'

Stampa PDF

Duo Duo

Sogno



Andati, passati, tanti anni, andati
Tante gioie, tante tristezze
Il passato, sembra un carro segnato dai viaggi
Noi, pure stiamo per perdere di vista il nostro villaggio

Erano i primi giorni, i giorni delle promesse
I giorni in cui sulla via erano poderosi i passi
Non esitavamo, ci conoscevamo in fretta
Non ci servivano trucchi, come ebbri come pazzi

Al capolinea di una sbronza brutale
Sì che era pieno il giorno. Già serrate le tende
Pomeriggio di indugi. Il postino dalla divisa verde
Si assicura una vita brillante

Era il tempo dell'amore
Il tempo in cui si stava insieme
Di tempo un effimero lasso
Tepido appena fu reso lo spirito

Ma se ne andarono i baci, e bastarono i baci
Mi scruti attenta e delicata
Mi sfiori, mi conforti
Tu, da me ti stai separando

Il momento di ammettere, eccolo
Ridi gelida, ridi e non lasci traccia
Ridi così di fretta
L'ora dell'addio e ridi così di fretta

Vaghe ormai pure le stelle, in piedi
Quella tu alla fradicia fermata del tram
Tenderai indietro la mano
E attenta, al volo la nasconderai in tasca

Svaniti, svaniti alla fine
Quei giorni, impossibile riafferrarli
Come una moneta falsa, come dei begli occhi
Un tintinnio, ingannevole scorre via

Dieci splendide domeniche
Due persone insieme a crearsi momenti segreti
Come un sogno leggero e senza memoria
Mattino di campagna senza più fumo dai comignoli

Non è rimasto nulla
L'amore, non è rimasto nulla
Ti ha fatto comodo andartene, va'!
Ti porti via la primavera altrui, portala via!

Che esperienza terribile l'amore
Che colpa terribile l'amore
Sfregati gli occhi umidi
Tu, cos'altro hai da dire

Ieri, già è perduto
Questa distanza già è perduta
Come il melodioso fischiettare, da bambino
Mi porta via la purezza e la solennità di una vita

L'autunno, entra in un cimitero dal dolore già calmo
L'autunno, in piedi sotto al mio epitaffio dorato:
Così per i dolori, così per le gioie, così bacio la sorte
Il vero dolore ancora velato, la vera bellezza
Ancora nascosta -

1973


(Traduzione di F. Grasselli)


[ FONTE ]


Duo Duo, o Duoduo, pseudonimo di Li Shizheng (Pechino, 1951)


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI DUO DUO ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information