• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 08 Dic 2022
You are here: Home Citazioni Tarkovskij, Arsenij Arsenij Tarkovskij: 'Morire in levità'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Arsenij Tarkovskij: 'Morire in levità'

Stampa PDF

Arsenij Tarkovskij

Morire in levità



Si oscura la vista
la mia forza sono due occulti dardi adamantini,
si confonde l'udito per il tuono lontano
della casa paterna che respira
dei duri muscoli i gambi si infiacchiscono,
come bovi canuti all'aratura
e non più quando è notte alle mie spalle splendono due ali
nella festa, candela, mi sono consumato
all'alba raccogliete la mia disciolta cera
e, lì, leggete chi piangere, di cosa andar superbi
come, donando l'ultima porzione di letizia:
morire in levità
e al riparo d'un tetto di fortuna,
accendersi postumi
come una parola.


Arsenij Aleksandrovič Tarkovskij (Elisavetgrad, 25 giugno 1907 – Mosca, 27 maggio 1989)

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information