• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Giovedì 28 Ott 2021
You are here: Home Poesie d'Autore Rilke, Rainer Maria Rainer Maria Rilke: 'Sonetti a Orfeo, I, V'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Rainer Maria Rilke: 'Sonetti a Orfeo, I, V'

Stampa PDF

Rainer Maria Rilke

Sonetti a Orfeo, I, V



Non innalzate lapidi. Che la rosa soltanto
fiorisca ogni anno in suo onore.
Perché questo è Orfeo. La sua metamorfosi
nell'uno e nell'altro. Non serve cercare

altri nomi. Una volta, per sempre,
è Orfeo se vi è canto. Viene e va.
Non è già molto se al calice di rosa
pochi giorni talvolta sopravvive?

Oh quanto deve dileguare, perché voi comprendiate!
Anche se del suo svanire lui stesso si sgomenta.
Quando la parola sopravanza l'esser qui,

egli è ormai dove voi non lo seguite.
La grata della lira non trattiene le sue mani.
E il suo obbedire è già superamento.


(da 'Sonetti a Orfeo', 1922)


René Karl Wilhelm Johann Josef Maria Rilke, noto come Rainer Maria Rilke (Praga, 4 dicembre 1875 – Les Planches, 29 dicembre 1926)

[ Poeta, scrittore e drammaturgo austriaco di origine boema. È celebre soprattutto per le "Elegie duinesi ", i "Sonetti a Orfeo " e "I quaderni di Malte Laurids Brigge ". La sua poesia, influenzata da Friedrich Nietzsche, vede una realtà senza consolazioni. ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI RAINER MARIA RILKE ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information